Cerca nel blog

domenica 14 ottobre 2012

COME BUTTARE SOLDI in MARE CALABRO..




ISTRUZIONI
su come
NON RISOLVERE I PROBLEMI





Si sa che le coste tirreniche e joniche, se non altro per i dati correntometrici  sono soggette ad una galoppante erosione. 

A questo fenomeno naturale si è aggiunta la stupidità umana:
inutile e dannosa cementificazione degli argini dei fiumi, 
estrazione  sfrenata di ghiaia 
e a volte la presenza di dighe (come quella di Monte Cotugno sulla valle del Sinni in Basilicata); situazione che in Basilicata conosco abbastanza bene.

In Calabria non mi sembra stiano meglio. Qualche anno fa qualche mareggiata si è portata via parte delle case che vedete nella seconda foto sullo sfondo; case che erroneamente vengono definite "vox populi" abusive ma pare che quando le costruirono, con regolari permessi, il mare fosse ben lontano. 
In quell'occasione mi fu detto, da alcune persone che le stavano guardando sconsolati, che quando furono vendute c'erano centinaia di metri di spiaggia davanti a loro. 

Non ho avuto modo di verificare la veridicità di quanto emerso da una semplice e casuale chiacchierata ma non ho alcun motivo di dubitare di sconosciuti con le lacrime agli occhi.

Se così è la situazione già GRAVE, è diventata GRAVISSIMA sembrerebbe grazie alla deviazione,  per mano umana, di un  fiumiciattolo che, invece di andarsene indisturbato verso il mare circonda gran parte di case della "marina"  alle spalle, con tutte le conseguenze idrogeologiche.  Moltissime case che  attualmente distano anche 300 metri dal mare, mostrano i sintomi di questa situazione, compresa la presenza di patologica umidità nei garages e seminterrati e se non ci si decide a prendere SERI provvedimenti, forse nel giro di pochi decenni, tutta Tortora Marina se ne andrà nel mare e nessuno deve ritenersi immune da questa ineluttabilità, nemmeno chi abita nei "quartieri alti" topograficamente. 

I provvedimenti che, invece di essere serissimi, hanno tutta l'aria di essere ridicoli se non tragicomici...consistono (grazie a periodici e sostanziosi stanziamenti di fondi della Comunità Europea "per la salvaguardia delle Coste"...) nell'apposizione di pietroni a ridosso delle case e nella semina di qualche manciata di sabbione a pochi metri dalla battigia, come vedete nelle foto e  documentato il 12 ottobre 2012. Sistematicamente le mareggiate dell'inverno si portano via la stradina che costeggia le case e sistematicamente la rimettono in sesto, senza una soluzione definitiva del problema che forse potrebbe consistere (sebbene con danno al panorama..) nella creazione di vere barriere più a largo, come si può vedere su tanti litorali italiani ed anche provvedere al riassesto del  corso del fiumiciattolo, chissà...

Tortora, che normalmente  condivide poco o nulla con Praia, sebbene confinante, questa volta deve dire "grazie"! 
Eh si, perché la ghiaia che arriva ai suoi lidi è stata gentilmente concessa dal comune di Praia (questo almeno quanto riferitomi dalla Guardia Costiera contattata). Praticamente si toglie ghiaia  dal litorale di Praia per darla a Tortora. Atto di grande ed inusitata "generosità" ma purtroppo inutile, dato che le mareggiate  invernali riporteranno via il materiale. Non sarebbe stato magari più logico, ripascere il litorale in primavera...dopo il ricorrente ambaradan?
Mah. Dio solo lo sa.




Bellissimo sport, quello di alterare il paesaggio...e proprio davanti all'Isola Dino



il dislivello della battigia prospiciente all'Isola non è affatto estetico


..  e quella specie di conchetta naturale non c'è più



Le mareggiate di qualche giorno dopo (il 27 ottobre 2012 e seguenti) che effetto volete abbiano avuto sulla sabbia appena messa a Tortora?


ed ecco,in video, come sono volati via, presi dalla mareggiata del 28 ottobre, i soldi, in forma di sabbia  e pietrisco, presi da Praia e depositati a Tortora 4-5 giorni prima: pazzesco!

video




Tortoresi e Praiesi, volete continuare a buttare a mare le risorse IN QUESTO MODO? Non si potrebbero impiegare meglio i soldi della comunità europea? Magari per progetti culturali o occupazionali? Siete sempre in stupida lotta tra di voi, non vi associate per nulla, non collaborate ma almeno per le cose inutili, questa volta l'avete fatto. Magra consolazione..ma chissà che questo non sia l'inizio di una bella solidarietà tra comuni storicamente "avversari".  AUGURI!